Halloween al Loft.

sound on? yeah!

Il Gran Ballo di Halloween

(2015)

 

Halloween 2015:  per la prima volta uno spazio tutto mio e la possibilità di creare scenari e storie senza limiti. Beh, a dire il vero un limite c'era, ed era il tempo; non potevo iniziare ad allestire prima di venerdì sera (ovvero quando l'ultimo dipendente avesse timbrato il cartellino), e per lunedì mattina tutto doveva tornare pulito ed in ordine come se nulla fosse successo. Come se fosse stato solo un brutto sogno... N.B: Ricordo che ai tempi mia mamma non era ancora particolarmente supportive riguardo alla mia passione per Halloween, ed ho usato un capiente eufemismo).

Comunque vi dirò: avere la possibilità di usare anche il venerdì sera era una grande occasione per allestire in grande! Non sarei stata così fortunata in futuro! Quindi: si parte!

Il tema scelto per la prima edizione era molto ampio, ma solenne. Il "Gran Ballo di Halloween" da l'idea di un castello che apre le sue porte ad eleganti eccentrici ospiti, come il masquerade ball di Dracula in Van Helsing , senza forzare però troppo sulla scelta del tema del costume: è solo richiesto come minimo un mood dark-goth, adatto per la Notte di Tutti i Santi.

 

 

Le idee preliminari erano ambiziose sia a livello di allestimento, con cinque zone tematiche su ben tre piani, sia a livello di creazione delle decorazioni ex novo, che di studio del gioco di ammissione; inoltre avevo anche previsto un sito web dedicato e una piattaforma per la gestione degli inviti.

Ecco come appariva la homepage del sito con le diverse zone a pochi giorni dalla festa:

"E quando affrontando le tue paure scivolerai nell'abisso...ecco che solo lì e solo allora ritroverai la strada per risalire"

La frase scelta per accompagnare il titolo della festa suggeriva che si dovesse percorrere tutto il tragitto attraverso le varie stanze giù fino al piano più basso (il magazzino ovvero la zona infestata dagli zombie) per poi finalmente risalire con il montacarichi alla festa ("indirizzati" da uno zombie-attore che inseguiva gli invitati).

 Per aumentare l'engagement  ho previsto un  gioco di ammissione o prova di iniziazione in piccoli gruppi in ordine di arrivo: una semplice caccia al tesoro con delle missioni specifiche da compiere in una specifica zona , durante il transito nel percorso obbligato prima di arrivare alla festa. Ecco un esempio: 

Ogni gruppetto avrebbe quindi trovato una di queste buste nella zona di ingresso, contenete le istruzioni per la propria missione, unitamente ad un video di accoglienza dei due fantasmi-maggiordomo che infestavano il Loft .L'atmosfera della zona di accoglienza era piuttosto suggestiva. Eccone qualche video ed immagini:

Anche il sito web spiegava agli invitati cosa sarebbe successo una volta arrivati a the Haunted Loft: le prove da affrontare ed il percorso.

In ogni caso ad attenderli al loro arrivo ci sarebbe stato un personaggio in carne ed ossa all'accoglienza : Fra (ai tempi ancora decisamente più ossa che carne) che avrebbe svolto operazioni pratiche di cassa, accoglienza, guardaroba e spiegone, ed avrebbe gestito i tempi tra un gruppo e l'altro.

Inoltre Fra mi ha anche aiutato a creare la zona "Scena del Crimine", mentre io stavo sfasando a livelli importanti perchè come al solito ho realizzato che non sarei riuscita a fare tutto prima dell'inizio della serata..

Ma torniamo alla festa: abbiamo lasciato gli ospiti all'ingresso; ora hanno una missione e devono iniziare a vistare tutte le zone dell'Haunted Loft per trovare ciò che cercano.

La seconda zona che incontreranno sarà: il macabro Laboratorio.

Tra le prove che si svolgevano in Laboratorio c'erano : preparazione

ed assaggio di pozioni, assunzione di intrugli e plasma, dissezione di parti del cavadere (che dovevano essere estratte e portate come prova)

e in un caso anche "tasting" di parti anatomiche del cavadere (si trattava in particolare degli occhi, che erano delle chewing gum).

Ecco come il Laboratorio degli orrori si presentava ai nostri ospiti: (clicca per visualizzare in grande, ne vale la pena!) 

Il percorso obbligato conduce i nostri ospiti giù per una buia rampa di scale, al termine della quale fanno una macabra scoperta: nel buio della notte solo le luci lampeggianti delle macchine della polizia rivelano che in quel luogo è stato compiuto un efferato crimine, e sangue e parti della vittima sono ancora sparse ovunque: è la Scena del Crimine, 

Nel seguente video potrete rivivere l'atmosfera di quella notte: ripercorriamo insieme il tragitto che dall'ingresso porta al Laboratorio e poi alla Crime Scene:

Il Gran Ballo di Halloween: Ingresso, Lab e Crime Scene

Risolto il caso di omicidio per i nostri ospiti giungeva il momento di scendere ancora più in profondità: una zona infestata, oscura e pericolosa li attendeva in fondo alla rampa delle scale: la zona di Quarantena, un territorio non bonificato brulicante di erranti, del quale abbiamo anche in esclusiva un inedito video!

Giù nella zona di Quarantena le prove di iniziazione prevedevano la ricerca di chiavi o antidoti che erano stati dimenticati all'interno di barili di scarti tossici o contenitori luridi di muco di zombie. 

Ma il rumore dei passi.. le voci ..e le mani che scavavano per cercare gli oggetti.. avrebbero risvegliato un errante! Uno zombie si sarebbe destato e avrebbe iniziato ad inseguirli, terrorizzandoli e spingendoli su per la rampa di scale laterale!

L'idea di un attore in carne ed ossa (che è sempre stata una delle mie fisse) è nata solo all'inizio della serata, non appena ho visto Peo! Il mio perfetto zombie 

I jeans ad inizio serata erano interi, poi se li straccerà da solo immedesimandosi

nella parte. Grande Peo.

Inseguiti dallo zombie gli ospiti sarebbero giunti alla penultima zona, la Foresta stregata

Nella foresta malvagia veniva richiesto agli ospiti di scovare e cacciare le terribili pantegane mannare, osservati da inquietanti occhi di predatori a loro volta a caccia di intrusi..

Ecco un video del dietro le quinte delle decorazioni della foresta con i glowing sticks:

Giunti fin qui non restava che risalire! Il montacarichi era l'unica via verso l'ultima zona, il Cimitero, attraversando il quale sarebbero finalmente arrivati al Gran Ballo

Nel cimitero veniva richiesto di inscenare gioiosamente la propria dipartita posando all'interno di tombe e lapidi, per dagherrotipi che sarebbero poi stati postati sui diabolici social network! 

"Tra rischi indicibili e traversie innumerevoli, io ho superato la strada per il castello..." e ora voglio fare festa! Ecco le foto più belle del Gran Ballo di Halloween 2015: 

La prima edizione del Gran Ballo di Halloween è stata indubbiamente memorabile: record di ospiti (più di 40 persone), tre piani di allestimento, ed un gran lavoro di DYI Halloween Props & Decor, che ora vi mostrerò più nel dettaglio! Unica problematica della serata: le casse che si sono fuse ad un certo momento della serata :-(

Vale la pena mostrarvi un po' più in dettaglio i particolari dell'arredamento che di solito sfuggono durante la serata, e le fasi della loro preparazione durante le settimane precedenti l'evento:

Ed ecco il work in progress: tutta l'apothecary (boccette, bottigliette, bottiglie, porta-candele, libri..., le lapidi, la bara.. gli inviti e lo shopping.

Ed infine: il costume! Un po' di immagini del mio travestimento da Beetlejuice Babe, e le foto del momento della preparazione trucco e parrucco prima della festa

Halloween 2015 : Il Gran Ballo di Halloween è stata la prima festa di Halloween casalinga, open bar, su invito organizzata dal Loft Asylum.

Sulla base dei tuoi ricordi e della raccolta di aneddoti ed immagini di cui sopra per favore tieni a mente un punteggio considerando ad esempio le seguenti categorie: allestimento ed aspetto generale, 

accoglienza/gioco/prova (tutto ciò che succede prima della festa), festa in sè (invitati, musica, refreshments, coinvolgimento...)​ più avanti ti verrà chiesto di esprimere il tuo voto!

Intanto come sempre mi piacerebbe leggere i tuoi ricordi e le tue impressioni:

 

 

 

Alla prossima festa!